elen musk
elon musk

Qualche anno fa Hotz e Musk hanno litigato, oggi dovrebbero collaborare per ricostruire il social che da qualche settimana non gode di ottima salute

George Hotz, l’hacker di sicurezza noto per lo sviluppo di jailbreak iOS e il reverse engineering di PlayStation 3 prima di fondare successivamente Comma.ai da qualche giorno è al servizio di Elon Musk e del ‘nuovo’ Twitter. Dopo la fuga in massa dei dipendenti all’indomani del suo ultimatum di lacrime e sangue arriva un hacker a cercare di porre rimedio a queste prime settimane a dir poco esuberanti.

Scrive TechcrunchHotz rientra sicuramente nella categoria delle persone che non sarebbero state sul remake-of-Twitter. Hotz ha fondato Comma.ai dopo aver litigato con Musk dopo che Musk avrebbe tentato di assumerlo a Tesla ma “ha continuato a cambiare i termini,” come ha detto Hotz a Bloomberg nel 2015. All’epoca, Tesla affermava che le audaci affermazioni di Hotz secondo cui la sua tecnologia poteva battere quella dell’Autopilota erano estremamente improbabili. ” Hotz ha prontamente deciso di provare che Musk e il resto di Tesla hanno torto.

Sarà bello vederli lavorare insieme.

Ancora dati, questa volta quelli fiscali rivenduti a Facebook tramite il codice chiamato Meta Pixel. Questa volta sono incluse non solo informazioni come nomi e indirizzi e-mail, ma altre informazioni ancora più dettagliate, inclusi dati sugli utenti come reddito, stato di archiviazione, importi del rimborso e importi delle borse di studio per le persone a carico. Il pacchetto completo sul cittadino medio americano arriva da alcuni siti specializzati nella compilazione delle tasse federali a cui gli utenti si affidano per questa incombenza annuale. L’articolo è stato pubblicato The markup(e ripreso da The Verge ), una redazione senza scopo di lucro che indaga su come le istituzioni potenti stiano usando la tecnologia per cambiare la nostra società. Cosa si è scoperto? Che le informazioni inviate a Facebook venivano utilizzate per perfezionare e alimentare l’algoritmo pubblicitario del gruppo indipendentemente che le persone coinvolte abbiano o meno un account Facebook o su altre piattaforme del gruppo Meta.

Inoltre:

Il Ministero dell’Educazione nazionale francese e della Gioventù, guidato da Pap Ndiaye, ha detto che le versioni gratuite di Microsoft Office 365 e di Google Workspace non dovrebbero essere utilizzate nelle scuole francesi. Nella lettera, Latombe faceva notare che l’offerta gratuita di Microsoft della suite Office 365 e di Teams alle scuole rappresenta “l’ultima forma di dumping e di concorrenza sleale”, dato che penalizza fortemente altri attori economici e pone un problema di sovranità, a causa della localizzazione dei dati personali su un cloud americano e dell’extraterritorialità della legge americana. Se ti interessa il tema puoi approfondirlo qui.

I social sono morti veramente? In crisi di sicuro, interessante articolo di Vice

Il nuovo tecnofeudalesimo, altro argomento da approfondimento.

Alternative open source, i trucchi preferiti per navigare più velocemente sul terminale Linux

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.