person holding iphone showing social networks folder
Photo by Tracy Le Blanc on Pexels.com

Le vacche grasse stanno veramente per finire? Qualcosa si muove, si comincia a legiferare in merito e mettere qualche paletto

Nella verde prateria delle pubblicità online tutto sta cambiando. Corrono ai ripari sia Stati Uniti che Europa tentando di ingabbiare un business milionario, legiferando  – soprattutto – su tutto quello che fino ad ora si è ignorato. 

L’autorità garante per la protezione dei dati austriaca, DSB, ha dichiarato che l’uso di Google Analytics viola il GDPR, alla luce della sentenza Schrems II del luglio 2020. Lo scrive cybersecurity360 . Nonostante tutto molte big tech hanno continuato a far transitare i dati dalla UE agli Stati. Si legge in un comunicato ufficiale diffuso da Schrems che non non hanno adattato i servizi al Gdpr europeo.

le aziende statunitensi hanno cercato di aggiungere semplicemente del testo alle loro politiche sulla privacy e ignorare la Corte di giustizia. Molte aziende dell’UE hanno seguito l’esempio invece di passare alle opzioni legali”.

Questo in Europa. Negli Stati Uniti un nuovo disegno di legge mira a rimodellare drasticamente il panorama pubblicitario online, scrive TechCrunch, a scapito di aziende come Facebook, Google e broker di dati che sfruttano archivi profondi di informazioni personali per guadagnare da annunci mirati. Il disegno di legge viene denominato Banning Surveillance Advertising Act. Limiterebbe drasticamente i modi in cui la tecnologia le aziende pubblicano annunci pubblicitari ai propri utenti, vietando del tutto l’uso dei dati personali.

Qualsiasi targeting basato su “informazioni di classe protette, come razza, sesso e religione, e dati personali acquistati da intermediari di dati” sarebbe vietato se tutto venisse approvato. Le piattaforme potrebbero comunque indirizzare gli annunci in base ai dati generali sulla posizione a livello di città o stato e sarebbe comunque consentita la pubblicità contestuale basata sul contenuto con cui un utente sta interagendo.

Problemi anche in Australia per i colossi della pubblicità, questa volta l’accusa è la disinformazione sulla pandemia. Scrive zdnet.com 

I giganti della tecnologia Google e Meta sono apparsi davanti all’Australian Select Committee on Social Media and Online Safety giovedì mattina, sulla disinformazione e sul cyberbullismo esistenti su tutte le loro piattaforme.

Lucinda Longcroft, direttrice degli affari governativi e delle politiche pubbliche di Google, è stata ripetutamente interrogata dalla commissione su YouTube che mostra gli annunci del Partito dell’Australia Unita (UAP) di Clive Palmer contenenti disinformazione sul COVID-19.

Almeno nove annunci UAP hanno presentato estratti incompleti di un rapporto della Therapeutic Goods Administration (TGA) sulle vaccinazioni per trasmettere informazioni fuorvianti sul COVID-19.

Longcroft ha detto al comitato che le politiche di disinformazione COVID-19 della piattaforma sono “robuste, rapide ed efficacemente applicate” in quanto aveva emesso una censura preventiva all’UAP per questi annunci, rimuovendoli da YouTube per una settimana.

Per Meta l’accusa è di cyber bullismo ai danni di una giornalista e della giovane figlia, le due hanno ricevuto pesanti minacce. La donna ha fatto formale richiesta di rimozione ma non è stata accettata da Facebook. Scrive il portale 

Alla domanda su quel particolare incidente di cyberbullismo, Mia Garlick, direttrice della politica di Meta ANZ, ha detto al comitato che la sua azienda non è riuscita a individuare la richiesta originale di Molan, ma il contenuto in questione è stato infine rimosso solo dopo che Molan ha presentato un rapporto della polizia.

“Purtroppo, nel mondo reale, non siamo stati in grado di individuare quella denuncia originale e quindi penso che sia stato fatto un rapporto della polizia e abbiamo lavorato attraverso quel processo per assicurarci di intraprendere azioni appropriate”, ha detto Garlick.

Garlick ha poi ribadito che questo tipo di molestie online è un’esperienza comune tra le giornaliste e che Meta sta lavorando su strumenti per rendere le sue piattaforme di social media un posto più sicuro.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.