person using macbook drinking coffee
Photo by Firmbee.com on Pexels.com

Bing e Yandex lo stanno già utilizzando, Google promette di testarlo per migliorare i suoi sforzi complessivi di ricerca

Indexnow potrebbe dare una mano significativa agli esperti di Seo. Dopo che sia Bing di Microsoft che Yandex lo hanno annunciato e lo stanno utilizzando, Google promette di provarlo. Un portavoce del colosso tech ha confermato che testerà il nuovo protocollo.

Ha poi commentato che già gli attuali sforzi di scansione sono efficienti, ma che comunque Indexnow sarà testato per verificare se può migliorare i risultati complessivi.

Cosa è IndexNow?

È un protocollo o un metodo, i proprietari di siti Web, grazie ad esso, possono informare immediatamente i motori di ricerca sulle ultime modifiche ai contenuti sul proprio sito Web. Non si tratta di un semplice protocollo ping  (un URL e il suo contenuto che avvisa i motori di ricerca quando sono stati aggiunti, aggiornati o eliminati).

Come si usa

Il protocollo è molto semplice: basta creare una chiave sul tuo server e quindi pubblicare un URL sul motore di ricerca per notificare la modifica ai motori di ricerca partecipanti a IndexNow. Potrebbe essere una novità interessante da implementare nei siti web.

I guai di Google in Europa

Il Tribunale dell’UE ha confermato la multa nei suoi confronti. Nel 2017, la Commissione europea impose la più grande sanzione antitrust della sua storia fino a quel momento. La somma ammontava a 2,4 miliardi di euro contro Google per aver presumibilmente favorito il proprio servizio di shopping comparativo. Google ha impugnato la sentenza ma, mercoledì, il Tribunale dell’UE ha confermato la decisione della Commissione del 2017, affermando che: “Il Tribunale conclude la sua analisi constatando che l’importo della sanzione pecuniaria inflitta a Google deve essere confermato”.

Articoli interessanti per me

Prendiamoci una pausa dai dispositivi indossabili, Sfortunatamente, la maggior parte dei dispositivi indossabili non riesce a darti una pausa, anche quando è giustificata. Semplicemente non è integrata nella loro programmazione.

In chat video diciamo un sacco di bugie, Questa settimana, il ricercatore David Markowitz ha pubblicato i risultati di uno studio aggiornato eseguito su Snapchat e Zoom. Utilizzando un gruppo leggermente più ampio di partecipanti e più strumenti di comunicazione, Markowitz ha scoperto che, come nello studio del 2004, le conversazioni sincrone e non registrate si traducono in più inganni.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.